giovedì, gennaio 17, 2013

Parallelismi e similitudini


A volte ci vogliono più di 90 minuti.

A volte serve più del tempo regolamentare.

A volte prendi un cartellino rosso, o anche due, e ti chiedi come sia potuto accadere, perché sei stato tanto stupido ma a volte le cose si fanno d’istinto e tocca tornare a casella zero.

A volte benedici che tra te e il futuro si frapponga un palo che respinge.

A volte capita che ti affanni, corri, scalpiti ma che sia solo un inutile dispendio di energie.

A volte capita che trovi un avversario alla tua altezza. A volte no. Ma un avversario c’è sempre, che sia tu stesso o l’altro.

A volte prendi botte e ti rialzi. A volte le dai. Ne esci un po’ ammaccato comunque ma continui a correre fino al triplice fischio.

A volte succede solo che ci voglia un tempo supplementare per ricordarsi la più semplice delle regole: che vinci se la palla entra in porta, una volta sola o una volta in più.

Parallelismi e similitudini? Non saprei, così a occhio qualcuno me ne viene in mente.

Daje, per tutto.

2 commenti:

PhilipDick ha detto...

Ecco, bisognerebbe sempre ricordarsi di buttare dentro il pallone (parallelismi e similitudini ;) )

Cristina Peccioli ha detto...

"A volte benedici che tra te e il futuro si frapponga un palo che respinge"...cocente verità, sei un GENIO!